IL GIORNO DELLA VERGOGNA




Oggi è il giorno della vergogna. 15/2/2020


Lo Stato italiano vieta di lavorare ai cittadini 50enni, sani, che non hanno accettato di sottoporsi ad un trattamento. Chi è sano, negativo e pieno di anticorpi deve morire di fame, mentre chi è malato, senza anticorpi, magari col meningococco che è presente nelle vie respiratorie di gran parte della popolazione, o con la tubercolosi, può. Mentre la maggioranza applaude ipnotizzata dall'elettrodomestico psichiatrico.


Anche oggi la nostra Costituzione è stata calpestata.

Articolo 1.

L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.


Articolo 3.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.



Torna a foto di guerra